21 Maggio, una data da ricordare dedicata alla bellezza. Presso l’Antisala dei Baroni Maschio Angioino di Napoli avrà luogo un Convegno che celebra il mito della bellezza tra benessere ed esasperazione, un tema che racchiude attualità, riflessione, complessità. Personaggi illustri, nelle figure di professionisti, esperti del settore, cariche autorevoli, si uniranno per discutere di un tema che ha subito nel tempo importanti evoluzioni portando con sé un riflesso significativo della società attuale.Aspetti psicologici, sociologici, medici, arricchiranno il confronto sui temi dell’etica, estetica, bellezza, benessere. Ma qual è il filo conduttore che lega questi concetti? De Tommasis ne parla oggi ripercorrendo l’origine del loro significato.


Da un lato l'Estetica, dalla parola greca αἴσθησις, "sensazione", e dal verbo αἰσθάνομαι, "percepire attraverso la mediazione del senso", che già nel 1750, con la pubblicazione del libro Aesthetica da parte di Alexander Gottlieb Baumgarten, veniva definita come "scienza del Bello, delle arti liberali e gnoseologia inferiore, sorella della Logica". Dall’altro lato l'Etica,  dal greco èthos, "carattere", "comportamento", "costume", "consuetudine", una disciplina che studia i fondamenti razionali che permettono di assegnare ai comportamenti umani uno status deontologico.

 

Per arrivare alla bellezza, intesa come l'insieme delle qualità percepite tramite i cinque sensi, che suscitano sensazioni piacevoli legandosi ad un contenuto emozionale positivo. Giungendo, infine, al benessere, ovvero il sentirsi bene: uno stato mentale, psicologico, emotivo e sociale con cui le persone riescono ad essere in equilibrio con se stessi e il mondo esterno.


È interessante capire come questi concetti si siano evoluti nel tempo portando a nuove concezioni e percezioni.  Se oggi diciamo “bellezza” pensiamo a: make up, cosmetica, trattamenti, chirurgia e tutto quanto concerne l’aspetto estetico del nostro essere, o meglio della nostra immagine. Ma quanto c’è di etico nella nostra bellezza? Parliamo solo di bellezza estetica o anche di quella etica? E quanto è soggettivo il concetto di bellezza? Si può essere belli nella propria imperfezione? Bellezza e benessere due aspetti della stessa medaglia?Pensieri e domande che portano a riflettere sul nostro essere, per riconoscere noi stessi nella nostra bellezza e soprattutto nel nostro benessere.


Il 21 maggio sarà il giorno della verità: un’occasione in cui si ripercorreranno le accezioni di questi temi con professionisti che, ciascuno dal proprio ambito di competenza, daranno il loro contributo, spiegando il mito della bellezza tra benessere e esasperazione in una cornice che rimanderà all’etica e all’estetica.Ti aspettiamo al Centro Estetica Medica de Tommasis.